EDITORIALE - PERCHÈ NON BISOGNA SOTTOVALUTARE L'ALLERTA GIALLA - RADIO CLUB LEVANTE
VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO

EDITORIALE – PERCHÈ NON BISOGNA SOTTOVALUTARE L’ALLERTA GIALLA

14-07-18 – Il forte temporale che ha interessato la zona C della Liguria (da Portofino a La Spezia) riporta all’attenzione l’importante delle allerte meteo che ARPAL e Regione Liguria diramano in caso di evento intenso.

Si dice in strada: “ah, hanno dato l’allerta gialla… vedrai che non fa niente…”

Le città del Tigullio costiero hanno subito gli effetti più evidenti di questa perturbazione raccogliendo in poche ore oltre 100 mm di pioggia. Il centro storico di Lavagna e di Chiavari e la zona di Cavi Borgo hanno subito allagamenti, la viabilità che collega S. Margherita L. e Portofino ha subito delle chiusure a causa dell’acqua che ha invaso le carreggiate.

Ancora, in strada: “allerta gialla? non ci azzeccano mai… io vado al mare…”

I canali di raccolta della rete cittadina non hanno retto alla grande quantità di acqua caduta in poco tempo, causando anche, nelle zone di sfocio dei canali in mare, una forte erosione delle spiagge. I sottopassi che conducono al mare sono stati allagati e resi impraticabili per diverse ore.

“..questa non era allerta gialla… era almeno arancione o rossa!…”

Le previsioni, e la relativa allerta gialla diramata da ARPAL, sono state quantomai accurate in quanto a tempistiche ed effetti al suolo. L’allerta gialla prevede 

Effetti localizzati:

  • allagamenti di locali interrati e di quelli posti a pian terreno lungo vie potenzialmente interessate da deflussi idrici;
  • danni a infrastrutture, edifici e attività agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali interessati da frane, colate rapide o dallo scorrimento superficiale delle acque;
  • temporanee interruzioni della rete stradale e/o ferroviaria in prossimità di impluvi, canali, zone depresse (sottopassi, tunnel, avvallamenti stradali, ecc.) e a valle di porzioni di versante interessate da fenomeni franosi;
  • limitati danni alle opere idrauliche e di difesa delle sponde, alle attività agricole, ai cantieri, agli insediamenti civili e industriali in alveo.

Risulta quindi necessario ricordare l’importanza di una semplice allerta gialla, diramata non per piacere personale di qualcuno, ma per la necessità di preparare i cittadini e gli enti preposti ad affrontare eventuali eventi che possono verificarsi.

Sperando siano sempre meno necessarie.

Staff Radio Club Levante.

20180712_1233287919718.jpg

img-20180712-wa0009-1791541859.jpg img-20180712-wa0052-7651566.jpeg img-20180712-wa0054-933343161.jpeg img-20180712-wa00134835787.jpg img-20180712-wa0017-1979334456.jpg img-20180712-wa0025931039948.jpg img-20180712-wa0050215445070.jpeg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *